La Russia ha un programma di esplorazione lunare molto ambizioso. Guidato da Roscosmos, questo programma include due lander, un orbiter, una missione di ritorno e un rover. La prima di queste cinque missioni, Luna-25, dovrebbe essere lanciata in autunno. 

Quarantacinque anni dopo la sua ultima missione lunare, la Russia si prepara a fare il suo ritorno sulla Luna con una serie di missioni che si susseguiranno nei prossimi anni in cui parteciperà anche l’Agenzia spaziale europea. Da Luna-27 – alias Luna-Resurs – che dovrà atterrare sulla superfice lunare del polo sud per recuperare campioni – per non parlare del Luna-25 / Luna-Glob, l’Esa dovrebbe fornire attrezzature derivate dal programma ExoMars ( ExoMars 2016 ed ExoMars 2022 ).


La prima missione di questa nuova “campagna esplorativa” per raggiungere la Luna sarà Luna-25, nota con il suo vecchio nome Luna-Glob, verrà lanciata questo autunno, presumibilmente ad ottobre. Lo scopo è atterrare al Polo Sud con l’obiettivo principale di studiare il ghiaccio al di sotto della superficie lunare: le più recenti osservazioni radar hanno individuato infatti strati di ghiaccio d’acqua nel sottosuolo situate a meno di 50 centimetri dall’area e che affondano a più o meno 1,5 metri di profondità. Questa missione è quindi di grande interesse perché molti paesi e agenzie spaziali hanno in programma di stabilirsi permanentemente sulla Luna e intendono utilizzare quest’acqua ghiacciata come approvvigionamento di acqua e carburante.

Seguirà Luna-26, che dovrebbe essere lanciata nel 2023. Si tratta di un’orbiter che mira a localizzare e mappare ad altissima risoluzione i siti di atterraggio come quelli che potrebbero essere utilizzati per costruire una base lunare e ospitare stazioni stazioni lunari permanenti. Luna-26 sarà poi riutilizzato per studiare l’anomalia magnetica della Luna.

Forare fino a 2 metri di profondità

Nel 2025, con Luna-27 (Luna-Resources), la Russia tornerà ad allunare al Polo Sud in un sito che potrebbe ospitare una base con equipaggio. Questa missione sicuramente è la missione più ambiziosa di tutta questa serie ed è anche quella per cui la partecipazione dell’ESA sarà più marcata. Fornirà Prospect (piattaforma per l’osservazione delle risorse e la prospezione in loco per l’esplorazione, lo sfruttamento commerciale e il trasporto ). Consisterà in un trapano progettato per estrarre campioni dal suolo lunare fino a una profondità di circa 2 metri e vari strumenti per analizzarli, tra cui uno spettrometro. Il trapano utilizzato è derivato da quello del rover ExoMars 2022 e sarà prodotto da Leonardo.

L’obiettivo di queste perforazioni è ovviamente quello di rilevare la presenza di ghiaccio, acqua e di determinare in che misura quest’acqua può essere utilizzata e adattata alle esigenze dei futuri esploratori lunari per stabilire una base permanente sulla Luna. Fornirà inoltre il sistema Pilot di atterraggio sulla luna capace di atterraggi di precisione in completa autonomia. Questo velivolo, sviluppato da Airbus, utilizza tecnologie di navigazione, oltre al rilevamento e all’evitamento di situazioni pericolose, per fornire a Luna-27, durante gli ultimi minuti della sua discesa, le informazioni necessarie per il suo sbarco sulla luna.

Il Luna-Resurs (Luna 27) atterrerà al Polo Sud su un sito che potrebbe ospitare una base con equipaggio. Questa missione deve in particolare stimare le risorse sfruttabili per una presenza umana.

Le seguenti missioni, Luna-28 e Luna-29 non hanno ancora una data di lancio. Luna-28 è una missione per restituire campioni lunari dal polo sud che contengono acqua ghiacciata ed elementi moderatamente volatili come sodio, potassio e zinco. Quest’acqua e queste sostanze volatili sono tutte risorse potenziali, indispensabili all’autonomia necessaria alla presenza umana sulla Luna, tappa fondamentale nella preparazione alle future missioni umane su Marte, quindi all’espansione nello spazio profondo.

Tra 10 anni, la Russia potrebbe inviare un altro rover (Luna-29). Tuttavia, ad oggi, non sono state comunicate informazioni ufficiali relative a questa missione.