Una donna è morta a Napoli dopo essere caduta da un edificio del Centro Direzionale. È allo studio l’ipotesi del suicidio.

Una tragedia improvvisa e sconvolgente avviene in pieno giorno a Napoli. Una donna, infatti, è morta sul colpo dopo essere caduta nel vuoto dall’alto di uno degli scoscesi grattacieli del Centro Direzionale di Napoli, cuore pulsante dell’economia napoletana.

Le ipotesi su quanto accaduto


L’ipotesi che gli inquirenti stanno valutando con più attenzione è quella del suicidio, come spiegano gli agenti di polizia che stanno ancora esaminando e vagliando il luogo dove giace il corpo senza vita della donna.

Il violento impatto con il suolo, derivante dalla caduta dagli edifici del complesso, non ha dato luogo ad alcuna speranza di salvezza per la donna. Inutile il tempestivo intervento degli operatori sanitari del 118, radunatisi invano sul luogo della tragedia.

Alcuni testimoni si trovavano sul luogo quando è avvenuta la tragedia. Raccontano di aver assistito alla macabra scena di un corpo in caduta libera, schiantato sul marciapiede e lasciato lì inerme. Inorriditi, i presenti hanno immediatamente allertato i soccorritori, che hanno poi accertato la morte. Mentre il corpo della donna era coperto da un lenzuolo bianco, le indagini sull’incidente erano già state svolte.

Sono in corso le procedure di identificazione per ricostruire la dolorosa vicenda. Tutto fa pensare a un suicidio meticolosamente premeditato, ma non vanno escluse altre ipotesi. Si cercano anche indizi che suggeriscano inequivocabilmente questa motivazione, come un biglietto o l’identificazione di una causa scatenante del dramma.